04/04/2017 14:55

Calciomercato Torino, Cairo chiude alla cessione di Belotti

Il presidente granata confessa di voler trattenere il 'Gallo'


Nicola Lo Conte

CALCIOMERCATO TORINO CAIRO BELOTTI / 23 gol e vetta della classifica marcatori confermata, anche se per il momento in coabitazione con Dzeko, per Belotti. Con un piccolo rimpianto, espresso dal presidente del Torino, Cairo. "Domenica di gol ne aveva fatti due - ha detto alla 'Gazzetta dello Sport', a margine della 'F Design Week 2017' in programma a Torino - Il secondo era buono, ma gliel'hanno annullato...". Il 'Gallo' avrà comunque modo di rifarsi nelle giornate che restano e di puntare al titolo di capocannoniere. La sua crescita è vertiginosa e sotto gli occhi di tutti. Parliamo dell'attaccante italiano più forte in circolazione, senza alcun dubbio. Un pezzo pregiato che farà gola a molti, nel prossimo calciomercato.

Calciomercato Torino, Cairo: "Clausola Belotti? Non ne parliamo più"

Gli estimatori non mancano di certo. Dal Bayern Monaco al Manchester United, passando per l'Arsenal, per finire persino a Real Madrid Juventus, che più di un pensiero ce l'hanno fatto, eccome. A pesare, in tal senso, è la clausola rescissoria imposta dal Toro per far partire il suo gioiello: 100 milioni di euro. Una cifra considerevole anche per i top club. Qualcuno, però, potrebbe pensare che valga la pena fare un sacrificio economico del genere per un attaccante sulla cresta dell'onda, a soli 23 anni, che sembra poter solo migliorare. E allora le strategie del calciomercato Torino cambiano. Già qualche giorno fa lo stesso Belotti ha dichiarato di voler restare in granata. Ora, anche il suo presidente Cairo gli fa sponda, e sempre ai microfoni della 'Gazzetta' si espone: "100 milioni iniziano a essere pochi? Forse, ma non vorrei parlarne più. Preferisco tenermi il giocatore, che è molto importante per noi". Insomma, clausola sì, ma speriamo che nessuno si presenti davvero con i famosi 100 milioni. Sarebbe davvero un peccato, del resto, vedere già andar via dall'Italia un patrimonio del calcio italiano.



Commenta con facebook