18/03/2017 20:05

Juventus, UFFICIALE: deferiti Agnelli e altri tre dirigenti bianconeri

L'annuncio è arrivato tramite il sito web della Figc



NEWS JUVENTUS/ Con il seguente comunicato ufficiale pubblicato sul sito della Figc, è stato annunciato il deferimento della Juventus, del suo presidente Andrea Agnelli e di altri tre dirigenti bianconeri: "Il Procuratore Federale, esaminati gli atti di indagine posti in essere dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Torino ed espletata la conseguente attività istruttoria in sede disciplinare, ha deferito dinnanzi al Tribunale Federale Nazionale – Sezione Disciplinare: Andrea Agnelli, all’epoca dei fatti tesserato quale Presidente della JUVENTUS F.C.; Francesco Calvo, all’epoca dei fatti tesserato quale Dirigente Direttore Commerciale della JUVENTUS F.C. S.P.A. e comunque soggetto che ha svolto, per la predetta Società attività rilevante ai fini dell’ordinamento federale ai sensi dell’art. 1 bis, comma 5, del C.G.S.; Alessandro Nicola D’Angelo, all’epoca dei fatti dipendente addetto alla sicurezza (Security Manager) della JUVENTUS F.C. S.P.A. e dunque soggetto che ha svolto, per la predetta Società attività rilevante ai fini dell’ordinamento federale ai sensi dell’art. 1 bis, comma 5, del C.G.S.; Stefano Merulla, all’epoca dei fatti dipendente responsabile del ticket office della JUVENTUS F.C. S.P.A. e dunque soggetto che ha svolto, per la predetta Società attività rilevante ai fini dell’ordinamento federale ai sensi dell’art. 1 bis, comma 5, del C.G.S.; la società JUVENTUS F.C. S.P.A. a titolo di responsabilità diretta, ai sensi dell’art. 4, comma 1, e 12, commi 1, 2 e 3, del C.G.S., in ordine agli addebiti contestati al suo Presidente, e a titolo di responsabilità oggettiva, ai sensi degli artt. 4, comma 2, e 12, commi 1, 2 e 3, del C.G.S., in ordine agli addebiti contestati ai Sigg,ri Francesco CALVO, Alessandro Nicola D’ANGELO e Stefano MERULLA che svolgevano tutti, all’epoca dei fatti, attività rilevante ai fini dell’ordinamento federale, ai sensi della’art. 1 bis, comma 5, del C.G.S.,  per la predetta società".

S.F.
 



Commenta con facebook