17/03/2017 15:27

Bayern Monaco-Real Madrid, amarcord Ancelotti: i precedenti e gli incroci di calciomercato

L'allenatore emiliano sfiderà la sua ex squadra in un quarto Champions con Serie A spettatrice interessata


Giovanni Albanese (@GiovaAlbanese)

BAYERN MONACO REAL MADRID / Sarà l'undicesima doppia sfida tra Bayern Monaco e Real Madrid. L'ultimo confronto risale al 2014, con quel 4-0 firmato dagli spagnoli guidati da Carlo Ancellotti, oggi allenatore dei tedeschi, e dal suo allora vice Zinedine Zidane. In quella semifinale, oltre al poker di reti, una vera e propria lezione di calcio da parte delle merengues alla formazione di Pep Guardiola. Il Bayern avrebbe potuto riscattarsi la scorsa stagione, ma in quel caso mancò la finalissima con il Real Madrid, uscendo sconfitta con l'Atletico Madrid, ancora in semifinale.

Bayer Monaco-Real Madrid: l'allievo sfida il maestro

Questa volta le news Champions mettono davanti le due squadre ai quarti di finale, con Zidane pronto a sfidare il maestro Ancelotti. Questo l'esito del sorteggio Champions. I tedeschi continuano ad avere il vantaggio sui precedenti, avendo vinto la metà delle partite giocate (10 su 20) e potendo contare su due pareggi che spostano la bilancia verso la Bavaria. Le merengues si affidano alla classe di Cristiano Ronaldo e alla concretezza di Sergio Ramos, ma anche alla qualità dei vari Kroos, Isco, Modric e James Rodriguez. Di contro, i bavaresi propongono un calcio più fisico, mettendosi nelle mani di Lewandowski sotto porta e affidandosi al gran lavoro in mezzo al campo di Vidal, Ribery e Robben.

Scherzo del destino, invece, per Xabi Alonso, che qualche giorno fa ha annunciato il suo ritiro dal calcio a fine stagione e che dovrà dosare le emozioni contro la squadra che lo ha consacrato nel calcio europeo, il Real Madrid.

Bayern Monaco-Real Madrid, vetrina mercato per la Serie A

Da Isco a James Rodriguez, non sono pochi in casa Real gli uomini al centro delle voci di calciomercato. Chiedono di andare via, o meglio vorrebbero essere più protagonisti e per questo sarebbero pronti a valutare altre strade. Tanto che il nome del primo ha continuato a circolare con una certa insistenza dalle parti di Vinovo, in casa Juventus, e quello del secondo è nella lista tra i più graditi dall’Inter. Nella prima parte della stagione il lavoro di Zidane è stato principalmente quello di mantenere gli equilibri in uno spogliatoio ad alto rischio mugugni. Lo stesso Kroos, più volte affiancato alla Juventus la scorsa estate per il dopo Pogba, non sarebbe incedibile di fronte alle potenziali dinamiche future di mercato. Più sereno l’ambiente dalle parti di Ancelotti, visto che il club bavarese sembrerebbe orientato a blindare i propri giovani. Lo ha fatto con Lewandowski, corteggiato a più riprese proprio dai 'blancos'. 



Commenta con facebook